MENU

Tre Kiwi al giorno nelle 24 ore migliorano la pressione sanguigna

“Tre Kiwi al giorno nelle 24 ore migliorano la pressione sanguigna più di una mela al giorno”

Questo è ciò che afferma un equipe di ricercatori della Mette Svendsen University Hospital di Oslo ( Norvegia ), grazie ad uno studio che è stato presentato in occasione della riunione scientifica dell’American Heart Association tenuta ad Orlando in Florida ( USA ). Secondo questa ricerca consumare tre kiwi al giorno nelle 24 ore consente di ridurre la pressione sanguigna in soggetti ipertesi. Lo studio che è durato complessivamente otto settimane, è stato condotto su 200 volontari divisi in due gruppi tra uomini e donne con età media di 55 anni, con livelli di pressione sanguigna lievemente alti, 85/128, rispetto alla norma, considerata ideale se sotto a 80/120. Al primo gruppo venivano fatti mangiare tre kiwi al giorno per otto settimane, all’altro invece una mela al giorno per lo stesso periodo. I partecipanti allo studio non hanno seguito una dieta particolare limitandosi solo ad aggiungere al pasto il consumo della frutta. Al termine della sperimentazione il gruppo che aveva mangiato solo i kiwi in aggiunta alla loro dieta avevano visto una diminuzione dei livelli della pressione sistolica ( la massima ) in media di 3,6 mmHg al giorno, mentre l’altro gruppo che aveva mangiato invece le mele non ha ottenuto gli stessi risultati.

 

Conosciamo il Kiwi
pianta kiwiIl Kiwi, nome scientifico “Actinia Chinensis”, è un frutto prodotto dalla omonima pianta del kiwi, originaria dalla Cina ( ne esistono 400 specie ), che si presenta sotto forma di una liana rampicante che può superare anche i 10 metri di altezza. Il nome con il quale usiamo contraddistinguerlo le è stato conferito in Nuova Zelanda, paese dove prese origine la coltivazione intensiva e da qui poi si diffuse in tutte le altre nazioni, prendendo spunto dal famoso uccello che rappresenta la nazione, il kiwi. I paesi leader nella produzione di questo prez
iosissimo frutto sono appunto La Nuova Zelanda e l’Italia. La varietà più diffusa e la “Hayward” che rappresenta circa il 95% delle coltivazione totali.

Composizione

  • 83% acqua
  • 1,14% proteine
  • 0,50% grassi
  • 9% zuccheri
  • 3% fibre
  • 0,61% ceneri

Minerali presenti
Potassio – Sodio – Fosforo – Calcio – Magnesio – Zinco – Ferro – Rame – Manganese – Selenio
La presenza di questi minerali consente di regolare la funzionalità cardiaca e la pressione arteriosa.

Vitamine
Vitamina A – B1 – B2 – B3 – B5 – B6 – C ( in quantità molto abbondante ) – E – J – K
La vitamina C presente, 92,7gr x 100gr, è sufficiente a soddisfare il fabbisogno giornaliero di vitamina C nel nostro organismo, quantità superiore al limone, arancia e peperone.
Oltre a questo, troviamo anche acidi grassi saturi, monosaturi, polinsaturi. Luteina (potente antiossidante, che potrebbe essere responsabile dell’effetto antiipertensivo, secondo quanto affermato dai ricercatori norvegesi.

Aminoacidi presenti
Acido Aspartico – Acido Glutammico – Alanina – Arginina – Cistina – Fenilanina – Glicina – Istidina – Isoleucina – Leucina – Listina – Prolina – Metionina – Serina – Tirosina – Triptofano – Valina – Treonina

Dieta
kiwiI soggetti sottoposti a controllo alimentare non devono temere di assumere troppe calorie ( 100 gr di Kiwi apportano 61 calorie, 0,5 gr di lipidi, 3 mg di Glucidi, 1 gr di proteine ) in quanto questi frutti, grazie anche alla presenza di potassio e magnesio, regolano il controllo di glucosio nel sangue.

Assunzione del frutto in gravidanza
Il kiwi contiene vitamine e acido folico, che aiuta a contrastare il gonfiore e le vene varicose delle gambe.

Raccomandazioni e Controindicazioni

  • Alcuni soggetti potrebbero essere intolleranti ai principi del kiwi, mai dunque abusarne nell’assunzione, potrebbe avere effetti lassativi.
  • E’ sconsigliato in allattamento se si hanno in famiglia casi di allergia al frutto.
  • Non smettere di assumere medicine prescritte senza aver prima consultato il proprio medico.

Fonti scientifiche
Kiwifruit decreases blood pressure and whole-blood platelet aggregation in male smokers (Journal of Human Hypertension (2013) 27, 126 — 130)
The kiwi fruit peptide kissper displays anti-inflammatory and anti-oxidant effects in in-vitro and ex-vivo human intestinal models (Clin Exp Immunol. 2014 Mar; 175(3): 476–484.)

Oslo Antioxidant Study – Dietary antioxidant intervention in smoking middle-aged and elderly men

 

Articoli che ti potrebbero interessare
[touchcarousel id=’6′]

This site is protected by WP-CopyRightProUA-21658179-2