MENU

Vaccini – Lettera aperta al presidente dell’Istituto Superiore di Sanità

Vaccini – Lettera aperta al presidente dell’Istituto Superiore di Sanità

AUTUNNO 2015: INFLUENTI MEDICI E PEDIATRI, STAMPA E TV, POLITICI
REALIZZANO UNA POTENTE CAMPAGNA PROMOZIONALE PER I VACCINI

Dall’inizio di ottobre, abbiamo letto sui giornali, nazionali e locali, tantissimi articoli sul tema delle vaccinazioni: tutti insistevano sull’importanza di vaccinare i propri figli e di farlo secondo il calendario stabilito
dall’ASL, per scongiurare le epidemie che sarebbero provocate da chi non vaccina i propri figli.
Apparentemente tutto origina a Cesena da Alice: la sua bambina di soli 40 giorni ha preso la pertosse, probabilmente dal fratello più grande, è stata male, ha subito un ricovero, e si è ripresa a fatica.
Alice inizia una campagna mediatica sui social network chiedendo
che tutti i genitori siano costretti a fare ai loro bambini tutte le vaccinazioni, sia quelle che in Italia sono obbligatorie sia quelle facoltative, e sia vietata l’ammissione all’asilo e a scuola dei bambini non vaccinati.
Alice è stata intervistata e invitata a molti programmi televisivi, la sua petizione è stata firmata da migliaia di persone e da parte di influenti personaggi del mondo della Medicina Ufficiale si è parlato di un nuovo piano vaccinale, con nuove normative punitive nei riguardi di pediatri e medici che hanno dubbi sulle modalità di somministrazione dei vaccini, sulle loro caratteristiche e quantità, e di ridurre la libertà di scelta dei genitori riguardo alla salute dei loro bambini.

DUE SCIENZIATI AUTOREVOLI E CORAGGIOSI
Due tra questi medici, scienziati e ricercatori chiedono di far luce su come i vaccini per i neonati sono gestiti oggi in Italia: da anni studiano e raccolgono informazioni molto accurate e approfondite al riguardo, e perciò hanno scritto una lettera aperta al presidente dell’Istituto Superiore di Sanità.

  • LA SCIENZA È FONDATA SULLA LIBERTÀ DI PENSIERO, SU STUDI E RICERCHE INDIPENDENTI, SU DIBATTITI  E CONFRONTI SENZA DOGMI.
  • L’ITALIA È L’UNICA IN EUROPA A IMPORRE 7 VACCINI
  • I VACCINI CONTENGONO SOSTANZE TOSSICHE E PERICOLOSE
  • – IN ITALIA LE SEGNALAZIONI DI REAZIONI AVVERSE A FARMACI E VACCINI SONO FORTEMENTE SOTTOSTIMATE

Scienza e Vaccini – Scarica l’opuscolo completo

This site is protected by WP-CopyRightProUA-21658179-2